Recensione di Massimo Salari su “Rockimpressions”

Il mondo del Rock è davvero grande, intersecato da numerose strade, che portano ognuna in un magnifico posto. In realtà i panorami che si aprono avanti a noi durante gli ascolti, sono sempre di natura soggettiva, molto personali. Non è sempre bello per tutti, ciò che piace ad ognuno di noi e questo è ovviamente questione di gusti. Ma su una cosa non si discute: l’arte di saper suonare e di comunicare con professionalità le proprie emozioni, questo è un fattore comune per tutti. Sembrerebbero parole difficili, che vanno a scavare chissà in quale concetto ed invece vogliono solo sottolineare che, la musica quando è ben fatta è solo Arte, qualunque essa sia. Certamente siamo abituati a passare per capolavori la maggior parte dei dischi stranieri, difficilmente mettiamo questo epiteto ad un disco italiano. Siamo da sempre un popolo di esterofili, specialmente se parliamo di America od Inghilterra.
Ma cosa deve fare una band italiana per passare almeno per un attimo sotto l’attenzione del pubblico? Avere agganci giusti direte voi, allora così ci perdiamo il buon 90% delle band interessanti.

Questo preambolo non vuole essere una polemica e tantomeno “Aut Aut” un capolavoro, è solo l’amara considerazione di una situazione artistica che, giorno dopo giorno, sembra radicarsi sull’ inutile e lo scontato: il nulla. Ecco perché voglio sottolineare questo lavoro, perché di Rock commerciale, quello fatto di buone melodie ed ammiccamenti, ne è pieno il mondo e quando c’è una voce che per un attimo fuoriesce dal coro, mostrando idee, beh, lasciatemelo raccontare.

Non siamo al cospetto di un disco Progressivo nel puro termine della parola, ma come tendenza ne ha a che fare. Siamo nel Rock, ma fra le canzoni si aggirano buoni assolo di chitarra che ricordano i Pink Floyd, del Jazz alla Matt Bianco, folclore e tanti anni ’70. La band mostra una grande cultura in merito. Ma andiamo con ordine, i Psicosuono si formano a Paterno Dugnano (Milano) nel 2004 e questo “Aut Aut” è il loro debutto discografico. La band è composta da Stefano De Marchi (Chitarre), Elisabetta Giglioli (Voce e percussioni), Antonello Colamonaco (basso) e da Emanuele Luisi (Batteria). Le tastiere che si sentono sono dello special guest Johnny Pozzi. La qualità sonora è più che discreta e l’artwork che accompagna il supporto sonoro è ben realizzato, con tanto di testi e di foto.

Il disco si apre con “Sonno Della Notte”, esempio concreto della cultura musicale della band a cui mi riferivo in precedenza, un intro Pinkfloydiano, lascia spazio ad un Rock apparentemente moderno, ma che si appoggia sulle tastiere in stile anni ’70. Un mix preciso e gradevole. “Mistica” gioca con la bella voce di Elisabetta e la ogni-presente chitarra di Stefano, da il meglio di se durante gli assolo, non solo nella ritmica tendente al Funky.
Ma secondo il mio gusto personale, è “Iride” uno dei pezzi più belli di questo album, un brano cha gioca sull’altalena delle sensazioni. Il merito risiede nel piccolo e semplice supporto delle tastiere, autrici di un giro breve di note che centrano il bersaglio, un poco come facevano Le Orme negli anni ’70. Di questo brano potete goderne anche il video (http://www.youtube.com/watch?v=Kd0bU33__Ts )

“Omega” è un altro palcoscenico per Elisabetta e proprio qui mi riferivo in precedenza ai Matt Bianco. “Il Tuo Destino” è invece un’altra canzone che vive il suo migliore momento nel crescendo sonoro, comunque sempre orecchiabile e di facile memorizzazione. Segue “Aut Aut”, e qui c’è di che dire, fra folclore e jazz, un mix esplosivo di suoni che si vanno a scontrare con un improvviso assolo di batteria che, a sua volta, ci lascia in balia di un autentico volo pindarico nell’enfasi del Progressive Rock. “Calpesta E Scivola!” è una semiballata ordinaria, pur sempre gradevole, mentre “L’Occhio Dell’Uragano” alza il tiro e rende il suono più psichedelico, fumoso ed intimistico, impreziosito da un assolo di chitarra assolutamente da non perdere. Il disco si conclude con “Vedere In Lui” e qui c’è la migliore L’Aura , una cantante italiana poco valutata ma davvero brava.

Dunque questo “Aut Aut” è un viaggio sonoro che consiglio a tutti, non solo a chi ama il Rock od il cantautoriale, qui c’è molta cultura sonora e sono sicuro che ognuno di voi, riuscirà ad estrapolare da esso un frammento di piacere. MS

 

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi